Il Portale delle Associazioni

Consulenza per aprire e gestire Associazioni ed Enti No Profit
a cura dell'avvocato Nicola Ferrante

Condivi con...

Il portale delle associazioni

  • SCARICA EBOOK
    Gestionale e il formulario per associazioni ed enti no profit. Visita la sezione Download ebook
  • SOFTWARE Assimplo ®
    Gestionale online per la tua associazione
  • CONSULENZA
    Per costituire associazioni, onlus, associazioni sportive e altri enti

Assimplo Gestionale per Associazioni

Assimplo è il gestionale in cloud per gestire la tua associazione in modo semplice ed efficacie. E’ stato pensato per diminuire al massimo i passaggi necessari per compilare le operazioni desiderate.

E un unico strumento per varie possibilità di utilizzo che consente una corretta gestione dell’associazione riguardo i profili amministrativi, fiscali e organizzativi. Con il gestionale Assimplo potrai tenere i conti sotto controllo tramite appositi fogli cassa elettronici ed eseguire il bilancio della tua associazione, con semplicità e in modo compatibile con la normativa italiana vigente.

Assimplo gestionale per associazioni comprende la gestione e creazione dei documenti tramite comodi modelli preimpostati e modificabili, quali: assemblea ordinaria, verbale del consiglio direttivo, approvazione del rendiconto contabile, economico e finanziario, e molto altro.

Punto di forza è il costo, molto concorrenziale. Ogni licenza ha le stesse funzionalità, il prezzo varia in base al numero dei soci e alle dimensioni dell’associazione.

Puoi provare il software gratuitamente, per 15 giorni, tramite il sito www.assimplo.it

Grazie al cloud potrai accedere all’interno del sistema in qualsiasi momento, ovunque tu sia e da qualsiasi computer o device mobile tramite un panello di controllo e dei semplici comandi.

Maggiori informazioni su www.assimplo.it

Il Bilancio degli Enti del Terzo Settore

Gli adempimenti degli ETS variano in base alle entrate annuali. In particolar modo gli ETS con ricavi proventi, rendite o entrate comunque denominate:

– inferiori a 100.000 (centomila) euro, devono redigere un rendiconto di cassa (entrate e uscite) da depositare presso il registro unico del terzo settore;

– superiori a 100.000 (centomila) euro, devono redigere un rendiconto di cassa (entrate e uscite) da depositare presso il Registro Unico del Terzo Settore e devono pubblicare annualmente e tenere aggiornati nel proprio sito internet gli eventuali emolumenti, compensi o corrispettivi a qualsiasi titolo attribuiti ai componenti degli organi di amministrazione e controllo, ai dirigenti nonché agli associati;

– superiori a 220.000 (duecentomila) euro, devono redigere il bilancio di esercizio (stato patrimoniale, rendiconto finanziario e relazione di missione) da depositare presso il Registro Unico del Terzo Settore e devono pubblicare annualmente e tenere aggiornati nel proprio sito internet gli eventuali emolumenti, compensi o corrispettivi a qualsiasi titolo attribuiti ai componenti degli organi di amministrazione e controllo, ai dirigenti nonché agli associati;

– superiori a 1.000.000 (un milione) di euro, devono redigere il bilancio di esercizio (stato patrimoniale, rendiconto finanziario e relazione di missione), il bilancio sociale (seguendo le linee guida ministeriali) da pubblicare nel proprio sito internet e depositarlo nel Registro Unico del Terzo Settore e devono pubblicare annualmente e tenere aggiornati nel proprio sito internet gli eventuali emolumenti, compensi o corrispettivi a qualsiasi titolo attribuiti ai componenti degli organi di amministrazione e controllo, ai dirigenti nonché agli associati.

I rendiconti e i bilanci devono essere depositati entro 30 giorni dalla loro approvazione o dal termine del periodo di riferimento all’interno del Registro Unico del Terzo Settore.

Per tutti gli ETS sussiste il divieto di distribuire gli utili, ad esclusione delle Imprese Sociali che hanno invece limiti molto stringenti di divisione degli utili.

Le Raccolte Fondi degli Enti del Terzo Settore

Le raccolte fondi sono attività e iniziative poste in essere dall’ETS con lo scopo di finanziare le proprie attività di interesse generale, anche attraverso la richiesta a terzi di lasciti, donazioni e contributi di natura non corrispettiva.

Gli ETS realizzano attività di raccolta fondi anche in forma organizzata e continuativa, tramite sollecitazione al pubblico o attraverso la cessione o erogazione di beni o servizi di modico valore. Per questo possono impegnare risorse proprie e di terzi, inclusi volontari e dipendenti.

Le raccolte fondi devono essere inserite all’interno del rendiconto o del bilancio e devono predisporre un rendiconto specifico nel quale devono risultare, anche a mezzo di una relazione illustrativa, in modo chiaro e trasparente, le entrate e le spese relative a ciascuna delle celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione. La rendicontazione delle raccolte fondi dovrà seguire le linee guida che verranno adottate con decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Cos'è il Registro Unico del Terzo Settore ?

Il Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS) diventerà lo strumento di pubblicità degli enti non profit. Conterrà alcune delle informazioni di base, consentendo a chiunque di sapere se un’organizzazione ha determinate caratteristiche che permettono ai donatori di ottenere i risparmi fiscali previsti per legge.

Infatti, gli Enti del Terzo Settore per essere riconosciuti tali ed usufruire delle agevolazioni fiscali e della legislazione di favore devono effettuare l’iscrizione al Runts, indicando gli estremi dell’iscrizione negli atti, nella corrispondenza e nelle comunicazioni al pubblico.

L’ufficio competente per l’iscrizione, entro 60 giorni dalla presentazione della domanda, può: iscrivere l’ente oppure rifiutare l’iscrizione con provvedimento motivato, invitare l’ente a completare o rettificare la domanda ovvero a integrare la documentazione. Decorsi i 60 giorni dalla presentazione della domanda l’ente si intende automaticamente iscritto, a meno che gli uffici rilevino un motivo ostativo o invitino l’ente ad integrare l’istanza.

Gli attuali registri delle organizzazioni di volontariato (ODV) e di promozione sociale (APS) faranno parte nel Registro Unico nazionale degli Enti del Terzo Settore.

Il Registro unico è nazionale e gestito su base territoriale da ciascuna Regione e Provincia autonoma ed è suddiviso in sezioni: ODV (Organizzazioni di volontariato), APS (Associazioni di promozione sociale), Enti Filantropici, Imprese Sociali comprese le cooperative sociali, Reti Associative, Società di mutuo soccorso e atri ETS (enti del terzo settore). Il Registro è pubblico ed è accessibile da ogni singolo cittadino.

Nel Registro unico vige il principio di incompatibilità, quindi lo stesso ente può iscriversi in un solo sezione. Con questo si intente orientare gli enti ad una connotazione e configurazione precisa e definita. L’unica eccezione è prevista nei confronti delle reti associative, che possono avere composizioni variabili e aggregare ETS disomogenei.

Ciascun ente verrà sottoposto ad una revisione d’ufficio a cadenza triennale, volta a verificare la permanenza dei requisiti.

Gli associati delle associazioni del Terzo Settore

Si costituisce un’associazione ad opera dei soci fondatori, che possono indicare nello statuto, rispettando fini istituzionali dell’ente, i requisiti necessari per l’ammissione a socio.

Possono far parte dell’associazione tutti coloro che facciano richiesta scritta al Consiglio Direttivo, dichiarando di:

  • Essere informati circa lo stato delle strutture, degli impianti e delle attrezzature, per gli specifici impieghi ai quali sono destinati;
  • Accettare -senza riserve- lo statuto, le attività, le finalità e il metodo dell’associazione;
  • Voler partecipare alla vita associativa;
  • Conoscere e accettare anche lo statuto e le norme prescritte dalle federazioni e dalle associazioni alle quali l’associazione medesima è affiliata o associata.

    Leggi tutto...

Il regime fiscale degli Enti del Terzo Settore e le imposte sui redditi in base alla nuova disciplina

Il presupposto oggettivo dell’imposta sul reddito è il possesso di redditi.

Il reddito dell’associazione non va confuso con il suo patrimonio: il patrimonio è l’insieme delle attività dell’ente e delle passività, mentre il reddito è il flusso di ricchezza pervenuto all’ente in un determinato periodo di tempo.

Le attività elencate all’articolo 5 del Codice del Terzo Settore si considerano non commerciali quando sono di interesse generale e svolte a titolo gratuito o dietro versamento di corrispettivi che non superano i costi effettivi, tenuto anche conto degli apporti economici degli enti interessati e salvo eventuali importi di partecipazione alla spesa previsti dall’ordinamento.

Il Codice inoltre indica all’articolo 79 le altre caratteristiche che qualificano le attività di un ente come non commerciali.

Leggi tutto...

Gli organi delle associazioni del Terzo Settore: l’organo di controllo

Nelle associazioni più piccole l’organo di controllo è il collegio sindacale; nelle associazioni più grandi deve essere invece presente la figura del revisore.

Lo statuto dell’associazione specifica i compiti del collegio sindacale, quali:

  • Verifica la gestione contabile;
  • Verifica la gestione della cassa;
  • Verifica il riscontro tra le scritture contabili e la normativa in vigore. 

Leggi tutto...

Sottocategorie

gestionale associazioni no profit

Contatta l'esperto


captcha
Powered by BreezingForms

 

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito e per darti una migliore esperienza di navigazione.
La direttiva UE ci impone di farlo notare, ecco il perché di questo fastidioso pop-up. Privacy policy